Energie 2 2017-09-13T16:08:43+00:00

UN BIO-ACCELERATORE FISIOLOGICO

L’energia WINBACK utilizza una corrente ad alta frequenza, tra i 300 KHz e 1 MHz. Accelera la “rigenerazione naturale” del tessuto biologico. Il basso livello di energia significa che si tratta di un mezzo del tutto non invasivo e naturale al 100% per il corpo umano.

1. ELIMINARE IL DOLORE

La sua energia WINBACK blocca l’informazione dolorosa per più di 48 ore. Il suo paziente avverte una sensazione di benessere e si rilassa; il suo massaggio diventa molto potente.

2. LIBERARE IL MOVIMENTO

La sua energia WINBACK libera le tensioni (contratture, edemi, fibrosi) rivascolarizzandole localmente. Le bastano 2 minuti senza sforzo per eliminare una contrattura. L’energia riprende a circolare nel tessuto lesionato e il paziente recupera capacità di estensione.

3. CICATRIZZARE

La sua energia accelera il naturale processo di autoriparazione del corpo, favorendo gli scambi intra- ed extra-cellulari in maniera duratura. I benefici del suo trattamento continuano dopo la seduta.

Grazie ai suoi elettrodi CET e RET, WINBACK trasmette l’energia all’interno del corpo del suo paziente in modo localizzato o diffuso, superficiale o in profondità. Il Trasferimento di Energia (TE) ha origine dal collegamento tra la corrente ad alta frequenza e gli elettrodi: CET e RET (CAR) o TECAR.

TESSUTO MOLLE = CET

Il CET concentra l’energia verso i muscoli e altri fluidi tissutali. L’azione avviene localmente in superficie o a media profondità (DEEPCET).

MUSCOLO, VASCOLARE, FASCIA,

VISCERALE e LINFATICO

energie-winback

TESSUTO DURO = RET

Il RET concentra l’energia su tutti i tessuti duri come articolazioni, tendini e ossa. L’azione è poli-articolare e in profondità.

LEGAMENTO, ARTICOLAZIONE, TENDINE,

PERIOSTIO, OSSO …

LA GAMMA DELLE FREQUENZE WINBACK 

winback-permittivity_conductivityAnalizzando diversi tipi di tessuto biologico per il proprio studio “Le proprietà dielettriche dei tessuti biologici” (4), il team di ricerca di C. Gabriel evidenzia la permeabilità delle membrane cellulari nella gamma di frequenza 500 KHz – 20 MHz. In effetti, al passaggio dell’energia Winback che facilita gli scambi intra ed extra cellulari, la polarizzazione della membrana non può più verificarsi.

Gli aspetti teorici e le conclusioni principali su questo argomento sono state commentate in diversi studi scientifici: Arsonval 1890, Rudolf Hober 1910, Schwan e Schwan 1957, Foster 1980, Stuchly e Stuchly 1980, Pethig 1984, Pethig e Kell 1987 e Foster e Schwan 1989 – C. Gabriel 1996. Fu proprio questa comunità di ricercatori ad interessarsi alle proprietà cellulari dei tessuti biologici e ai loro fenomeni dielettrici quando sottoposti ad energie ad alte frequenze. La maggior parte di questi studi concordano sul fatto che la reazione cellulare dipende dalla frequenza e dal tipo di tessuto biologico.

 

LA FREQUENZA INCIDE SULLA PROFONDITÀ DELL’AZIONE DELL’ENERGIA WINBACK.

1 MHz SUPERFICIALE

Più elevata è la frequenza, più è concentrica e, quindi, superficiale. A questa frequenza, Winback si rivela più adatta al metodo di applicazione MIX o WINBACK 4.0 (la distanza tra i due elettrodi è di circa 1 cm) rispetto al metodo RET. La medicina estetica fa uso della frequenza di 1 MHz perché il meccanismo d’azione è superficiale (tra i 15 e i 20 mm).

500 KHz MEDIA PROFONDITÀ

Offre un’azione energetica concentrica. L’energia Winback è più grande, il che consente di raggiungere aree più profonde e circoscritte utilizzando la modalità CET (da 0,5 a 3 cm circa) oppure tessuti profondi refrattari alla modalità RET.

300 KHz PROFONDA

Offre un meccanismo d’azione diffuso e, quindi, più profondo. Per Winback, questa frequenza è utile per azioni diatermiche antinfiammatorie sui tessuti profondi in modalità CET. L’energia è meno concentrata sui primi strati dell’epidermide il che le permette di raggiungere le aree meno vascolarizzate (ad una profondità di 3 – 7 cm) come fibrosi o crampi, così come i tessuti semi-solidi.

WINBACK 125 ANNI DI STUDI SCIENTIFICI E DI RICERCA

1890 : Scoperta della permeabilità della membrana plasmatica cellulare alle correnti ad alta frequenza dai 100 KHz ai 10 MHz. Jacques Arsene d’Arsonval, medico, fisico medico e inventore francese.

1939 : Lavoro sulla diatermia con modalità di applicazione capacitiva e resistiva svolto sui primi dispositivi fisioterapici da William Beaumont, medico e fisico medico inglese. Frequenze di circa 500 KHz.

1985 : Corrente ad alta frequenza con elettrodi multipolari sviluppati per l’uso nel settore della medicina estetica. Frequenza di 1 MHz.

1995 : Viene usato per la prima volta il termine TECAR (Trasferimento Elettrico, Capacitivo e Resistivo). In Italia vengono pubblicati nuovi studi scientifici. Frequenze di 500 e 650 KHz. Viene data priorità all’effetto diatermico.

2013 : Viene lanciato WINBACK, con oltre 400 installazioni in meno di 2 anni. Vengono impiegate frequenze multiple per una maggiore specificità; 300 KHz – 500 KHz – 1 MHz. Nuova e più efficiente generazione della potenza. Viene data la priorità all’azione di una guarigione focalizzata.

Etudes scientifiques técarthérapie

Pas de contre-indication

NESSUNA CONTROINDICAZIONE
SUL MATERIALE DI OSTEOSINTESI

CONTROINDICAZIONI E MISURE PRECAUZIONALI

Trapianti, pacemaker e organi artificiali, gravidanza, disturbi emorragici, insensibilità ai cambiamenti di temperatura, ustioni, infezioni, cancro, cartilagine della crescita, ipotensione, flebite, insensibilità al dolore.

EFFETTI COLLATERALI

In alcuni rari casi, ove l’intensità del trattamento sia stata troppo elevata, nelle 24 ore che seguono le prime sessioni può essere avvertito un temporaneo aumento del dolore. Il dolore scomparirà poco dopo.

(1) In 6 sedute, 97% di efficacia sui disturbi muscolari e articolari. Terapie efficaci per la riduzione dei tempi di guarigione. Valutazione degli effetti del trattamento diatermico multifrequenza in modalità di applicazione capacitiva. S. Piolani, A. Soldadi, F. Speziale, P. Bonifacci, T. Cuzzani, M. Scacchetti, A. Marsotti, S. Alberti, M. Cagnani, R. Marzovillo, A. Garvalli, G. Poletti. Sport & Medicina. Gennaio – febbraio 2009. Frequenze utilizzate 500 KHz, 750 KHz e 1 Mhz.

(2) Studio clinico del trasferimento elettrico in ipertermia per il trattamento della lombalgia. Takahashi K, N Tsuzuki, K Zhong- SHI – Reparto di chirurgia ortopedica – J. Saitama Medical Center. Phys Ther. Sci 11: 45-51, 1999. Frequenza utilizzata 650 KHz.

(3) Terapia T.E.C.A.R. Trattamento postoperatorio della frattura del femore. A. TERRANOVA, G. VERMIGLIO, S. ARENA, A. Ciccio, S. DI DIO1 Mr. VERMIGLIO – Vol. 44 – Suppl. 1 to 3 EUROS.